FANDOM


La stagione del Milan campione d'Italia 2010-2011 inizia il 12 luglio 2011 a Milanello, con il raduno che vede l'assenza del patron Silvio Berlusconi per alcuni motivi istituzionali legati al ruolo di Presidente del Consiglio.

I rossoneri conquistano la sesta Supercoppa italiana della loro storia il 6 agosto seguente a Pechino con la vittoria per 2-1 ai danni dell'Inter, grazie alle reti di Zlatan Ibrahimović e Kevin-Prince Boateng e, come gli altri club, iniziano il loro campionato a settembre inoltrato per via dello sciopero indetto dall'Associazione Italiana Calciatori; la partenza del campionato, che inizia con un pareggio per 2-2 a San Siro contro la Lazio, è in sordina proprio come nella stagione precedente, e solo a fine ottobre, pur dopo alcuni scontri diretti persi, la squadra rivede le zone alte della classifica. Nel frattempo in Champions League il Milan conquista la qualificazione agli ottavi di finale con due turni di anticipo, classificandosi 2º nel girone H dietro al Barcellona (fermato 2-2 al Camp Nou) e davanti al Viktoria Plzeň e al BATE Borisov.

In campionato la squadra milanese ottiene 12 risultati utili consecutivi (10 vittorie e 2 pareggi) tra la 7ª e la 17ª giornata e il successivo recupero del primo turno che gli consentono di raggiungere in vetta alla classifica la Juventus. La permanenza in testa alla classifica in coabitazione con la squadra torinese dura solo per due giornate poiché, nel 18º turno giocato il 15 gennaio 2012, i rossoneri perdono il derby con l'Inter per 0-1 (prima sconfitta stagionale in casa nel corso del campionato) mentre i bianconeri pareggiano allo Juventus Stadium con il Cagliari e staccano il Milan di un punto. Il 22 gennaio seguente, con la vittoria per 3-0 in casa del Novara, i rossoneri chiudono al 2º posto il girone d'andata totalizzando 12 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte, segnando 40 reti e subendone 17.

Il 15 febbraio 2012 il Milan gioca a San Siro la partita di andata degli ottavi di finale di Champions League contro l'Arsenal, vincendo il match per 4-0 grazie al gol di Kevin-Prince Boateng, alla doppietta di Robinho e al calcio di rigore realizzato da Zlatan Ibrahimović. Nel match di ritorno disputato il 6 marzo seguente all'Emirates Stadium di Londra, i rossoneri escono sconfitti per 3-0, ma in virtù del risultato dell'andata ottengono la qualificazione ai quarti di finale della competizione.

Nel frattempo, in Italia, continua il duello a distanza con la Vecchia Signora: nonostante i numerosi infortuni della squadra rossonera (in particolare i continui guai muscolari di Pato e Boateng, i problemi al nervo ottico di Gattuso e il malore cardiaco di Cassano), nel corso della 23ª giornata di campionato (in cui viene rinviata la partita della Juventus per neve) finisce la rincorsa al primo posto in campionato dei rossoneri, trascinati dai gol di Ibrahimović e della sorpresa stagionale Antonio Nocerino. In Coppa Italia, invece, il Milan viene eliminato in semifinale proprio dai bianconeri che, dopo la vittoria per 2-1 ottenuta a San Siro, pareggiano nella gara di ritorno allo Juventus Stadium per 2-2 dopo i tempi supplementari grazie alle reti di Alessandro Del Piero e Mirko Vučinić.

In Europa la società meneghina trova nuovamente sulla sua strada i campioni in carica del Barcellona: dopo il pareggio a reti inviolate a San Siro, i rossoneri rimediano una sconfitta per 3-1 a Barcellona e la conseguente eliminazione dalla competizione.

Nel momento cruciale della stagione il Milan perde per infortunio uno dei suoi pilastri difensivi, Thiago Silva, e ne soffre l'assenza. Il 7 aprile i rossoneri, causa la sconfitta nella 31ª giornata in casa contro la Fiorentina per 2-1 e la successiva vittoria della Juventus in casa del Palermo per 2-0, perdono la prima posizione in classifica. Nelle seguenti due giornate il distacco tra le due squadre rimane invariato con la Juventus in vantaggio di 1 punto sul Milan, grazie alle vittorie di entrambe le squadre rispettivamente con Lazio e Cesena e con Chievo e Genoa. La svolta arriva il 22 aprile 2012 quando, a causa del pareggio casalingo dei rossoneri contro il Bologna e la successiva vittoria dei bianconeri sulla Roma, la squadra torinese si porta in vantaggio di 3 punti; a nulla vale il pareggio dei bianconeri allo Juventus Stadium contro il Lecce, poiché la sconfitta milanista nel derby della successiva giornata consegna matematicamente il tricolore ai bianconeri.

Nell'ultima giornata (vittoria casalinga contro il Novara per 2-1) i tifosi salutano importanti calciatori delle stagioni passate come Gattuso, Nesta, Seedorf, van Bommel, Zambrotta, Roma e in particolar modo Filippo Inzaghi, giocatore alla 300ª gara con la maglia rossonera e che saluta il suo pubblico con un gol decisivo.

In campionato la squadra milanese conquista 80 punti, 2 in meno rispetto alla precedente annata, grazie a 24 vittorie, 8 pareggi e 6 sconfitte, con 74 gol fatti e 33 subiti mente in totale colleziona 30 vittorie, 13 pareggi e 10 sconfitte, con 100 gol fatti (3ª miglior stagione dell'era Berlusconi sotto questo punto di vista) e 54 subiti. Il rossonero Zlatan Ibrahimović, inoltre, vince il titolo di capocannoniere della Serie A con 28 reti realizzate.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale